Molestie sul lavoro: come identificarle e affrontarle

Anche se è difficile credere che esistano persone che dedicano parte della loro vita a molestare i propri colleghi, la verità è che è una realtà. Infatti, sebbene molte persone considerino il bullismo o le molestie come una “cosa da bambini” che si verifica nelle scuole e negli istituti, ci sono dati scoraggianti sulle molestie nell’ambiente di lavoro. 

Infatti, come ha spiegato il sindacato CCOO, nel nostro Paese, attualmente, il 15% dei lavoratori subisce molestie o mobbing sul posto di lavoro. In effetti, la cifra è allarmante più alta in Spagna che nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea, dove si attesta al 9%. 

Tuttavia, in alcuni paesi del Nord Europa, come la Finlandia, la percentuale sale allo scandaloso 20% . Si tratta, quindi, di un problema serio e reale che deve essere preso in considerazione e affrontato per porre rimedio ed evitare che queste situazioni continuino a esistere. In questo articolo parleremo quindi di molestie sul posto di lavoro per sapere come identificarle e, soprattutto, come affrontarle. 

Che cosa sono le molestie sul posto di lavoro?

Le molestie o mobbing sul lavoro sono una serie di azioni poste in essere da una persona che fa parte di un’azienda e volte a intimidire e molestare con l’intento di degradare la situazione lavorativa di un lavoratore della stessa azienda. In molte occasioni, infatti, il livello di molestie è tale che molte persone si chiedono se sia meglio lasciare l’azienda e lasciare il proprio lavoro. In effetti, questa situazione può ridurre la tua autostima e persino influenzare direttamente la tua vita personale. 

Perché si possa ritenere che esista il mobbing è necessario che siano presenti alcune caratteristiche tipiche . Tra questi, il molestatore è solito ricorrere alla violenza verbale e psicologica per diminuire la fiducia degli altri lavoratori. 

In alcuni casi il molestatore si rivolge alla persona molestata utilizzando insulti o commenti fuori luogo. Può anche manifestarsi sotto forma di screditamento di continua messa in discussione delle capacità dell’altro dipendente . Ciò può degenerare fino alla diffusione di bugie e false voci, umiliazione e isolamento di questa persona dal resto della forza lavoro. 

Per saperne di più  Abuso sessuale. Qual è il reato di abuso sessuale

Tutto ciò è legato all’intenzione di ritirare qualsiasi tipo di supporto che questa persona ha all’interno dell’organizzazione. In alcuni casi estremi, siamo consapevoli che si sono verificati anche attacchi fisici.

In alcuni casi c’è una motivazione dovuta alla razza, al genere, all’orientamento sessuale, alle credenze culturali o all’ideologia politica. Questi tendono ad essere i più comuni. Tuttavia, in molti casi è sufficiente che la persona molesta non piaccia a un lavoratore per avviare questa fastidiosa situazione. Allo stesso modo, le molestie possono verificarsi tra colleghi dello stesso livello gerarchico, ma si verificano anche molestie da parte di superiori o di inferiori, sebbene queste ultime siano solitamente molto meno frequenti. 

Quali sono le conseguenze del mobbing sul posto di lavoro?

Come abbiamo discusso in precedenza, il bullismo sul posto di lavoro può influenzare la vita di una persona in molti modi diversi. Ecco perché abbiamo detto che questo tipo di situazioni non rimangono solo nell’ambito lavorativo, ma si intersecano anche con la vita personale. 

La persona molestata, infatti, può iniziare a mostrare segnali di sfiducia e di tensione costante. Questo perché la persona è costantemente esposta a situazioni di stress e ansia. Pertanto, potresti riscontrare gli stessi sintomi nella tua vita personale, inclusi attacchi di panico e sintomi ancora più gravi, come la depressione clinica. 

Sul posto di lavoro, il segnale più comune che di solito viene rilevato è la mancanza di autostima e la convinzione che la persona colpita faccia tutto male . Di conseguenza, è facile per il dipendente avere scarse prestazioni lavorative. Questa situazione può portare i superiori a chiamarti fuori per le tue scarse prestazioni. Si ritiene pertanto che tale situazione si ripercuota negativamente. 

La situazione può diventare così negativa e insostenibile che la persona interessata può lasciare il lavoro con tutte le conseguenze che ciò comporta: perdita del risarcimento e del diritto a ricevere l’indennità di disoccupazione. 

Ma la situazione, in molte occasioni, si estende oltre. Poiché la persona molestata può avere molte difficoltà ad integrarsi in un nuovo lavoro. Questo perché potresti sviluppare la paura che questa situazione possa ripetersi. In questi casi è consigliabile rivolgersi ad un bravo psicologo. 

Per saperne di più  Diritti dei passeggeri: risarcimento per incidenti nel trasporto pubblico

Come posso sapere se sto subendo molestie sul posto di lavoro?

Le molestie sul posto di lavoro non sono una situazione che di solito si verifica da un giorno all’altro. Infatti, di solito uno stalker impiega un po’ di tempo per schierare le sue “armi” contro la persona che ha scelto come bersaglio. 

Inoltre, in molte occasioni avviene in modo così subdolo che nemmeno la persona che la subisce se ne rende conto finché gli effetti di tali molestie non sono evidenti: scarsa fiducia in se stessi, perdita di autostima, allontanamento dal resto dei propri coetanei. asso, ecc. 

Raccomandiamo quindi di prestare attenzione ai segnali per individuarlo in tempo il prima possibile e agire di conseguenza prima che i suoi effetti psicologici e sociali inizino a farsi notare nell’ambiente di lavoro. Tra questi segnali possiamo evidenziare i seguenti:

Rapporti personali a distanza tra colleghi

È quando si verificano relazioni personali distanti tra colleghi di lavoro. Cioè, se c’è una persona o un gruppo di persone che ignorano continuamente uno o più lavoratori. Mostrano anche un cattivo atteggiamento, ad esempio, se rispondono in modo aggressivo a qualsiasi situazione. 

Situazioni di umiliazione e sovraccarico lavorativo

Per rilevarlo, il lavoratore deve essere consapevole delle proprie competenze esatte e del volume di lavoro che può gestire. Quando un superiore o un collega dà un carico di lavoro eccessivo e il dipendente non riesce a farcela, è probabile che si stia verificando una subdola situazione di molestie sul posto di lavoro. 

La stessa cosa accade se il lavoro che svolgono non viene adeguatamente valorizzato e tutto ciò che fanno viene criticato in modo distruttivo. Se non viene scoperto, la persona molestata può incolpare se stessa ed è allora che inizia il deterioramento psicologico. 

Il lavoratore non dispone di misure di sicurezza

In molte occasioni, la persona molesta impegna i lavoratori, costringendoli a dover svolgere il lavoro senza disporre delle necessarie misure di sicurezza. Cioè, il dipendente si trova ad affrontare situazioni che mettono in pericolo la sua stessa integrità fisica, poiché potrebbe subire un incidente. 

Questa, anche se può sembrare una svista, può nascondere l’intenzione di minare la fiducia del lavoratore o di accusarlo di “lamentarsi di tutto” ogni volta che esige misure di protezione adeguate per svolgere diverse mansioni che comportano un certo pericolo. 

Per saperne di più  Quanto costa un avvocato?

Minacce

Quando il lavoratore sente che un collega o un superiore lo ha minacciato, di solito va nella direzione di distruggere la sua autostima. Se la minaccia è diretta, non ci sono dubbi. Tuttavia, all’inizio tendono ad essere più sottili , quindi è consigliabile aguzzare i sensi e iniziare a unire i punti, soprattutto quando questi “scherzi” hanno un contenuto sessuale. 

Sensazione di malessere nell’ambiente di lavoro

È normale che i primi sintomi psicologici del mobbing siano principalmente il disagio lavorativo. Cioè, possono esserci segnali come una sensazione di isolamento, malessere, sensazione di disuguaglianza rispetto ai propri coetanei, invisibilità , tra molti altri. Pertanto, è consigliabile essere vigili e scoprire cosa potrebbe succedere. 

In che modo puoi affrontare il bullismo sul posto di lavoro?

Quando una persona è vittima di molestie sul posto di lavoro, può chiedere che i suoi diritti siano rispettati. In effetti, questi diritti sono inclusi sia nella stessa Costituzione spagnola che nella Corte Costituzionale. 

Pertanto la persona molestata può esigere la fine della situazione di molestia e anche la risoluzione del contratto per violazione grave degli obblighi del datore di lavoro in questione o per lesione della sua dignità. In questo caso viene mantenuto il diritto all’indennità per licenziamento senza giusta causa e all’indennità di disoccupazione. Allo stesso modo, puoi criticare pubblicamente la condotta dell’azienda e segnalarlo. Infatti, se la persona riesce a dimostrare l’esistenza di tali molestie, può agire in giudizio per ottenere il risarcimento dei danni. 

Come dimostrare le molestie sul posto di lavoro?

Come abbiamo detto prima, la persona molestata ha il diritto di sporgere denuncia in tribunale per ricevere il risarcimento corrispondente per la violazione dei diritti fondamentali. La situazione è però più complessa, poiché esistono una serie di requisiti che devono essere soddisfatti per dimostrare in definitiva l’esistenza di dette molestie. 

Se quindi ti stai chiedendo come dimostrare le molestie sul posto di lavoro, tieni presente che in questo tipo di procedimenti giudiziari vengono accettate alcune prove specifiche. Tra questi ci sono registrazioni audio o video che dimostrano l’esistenza di questa situazione. 

Allo stesso modo, sono consentiti gli SMS – via email o WhatsApp – in cui vengono visualizzati insulti, minacce, umiliazioni, ecc. Sono infine accettate anche le testimonianze e le perizie psicologiche e le denunce di assenza per malattia dovuta a infortuni sul lavoro. 

Sappiamo che non è un compito facile, ma se ti trovi in ​​questa situazione e vuoi chiedere giustizia, dovrai essere paziente e iniziare a raccogliere prove finché non le riterrai sufficienti o abbastanza chiare per sporgere denuncia. 

Deja un comentario