Licenziamento ingiusto

Il licenziamento senza giusta causa è la decisione unilaterale del datore di lavoro che pone fine al rapporto di lavoro indipendentemente dalle cause o dai requisiti richiesti dall’ordinamento giuridico . Per essere qualificato come ingiusto, il licenziamento deve essere impugnato dinanzi all’ordine sociale .

Le conseguenze di un licenziamento senza giusta causa possono essere il pagamento del TFR o la reintegrazione in azienda .

Cos’è un licenziamento senza giusta causa?

Ogni licenziamento avvenuto senza motivi giustificati dalla legge sarà ingiusto . È disciplinato dall’articolo 56 dello Statuto dei Lavoratori .

La legislazione del lavoro mira a tutelare il lavoratore contro possibili abusi da parte del datore di lavoro . Questa tutela si basa sul significato sociale del lavoro, del sostentamento dei lavoratori e delle loro famiglie.

Per questo motivo stabilisce i requisiti legali e formali affinché il datore di lavoro possa interrompere unilateralmente il rapporto di lavoro . Tuttavia, le decisioni di licenziamento del datore di lavoro non sempre soddisfano questi requisiti. In questi casi ci troveremo di fronte ad un licenziamento senza giusta causa.

Il licenziamento può essere ingiusto in due casi:

  • Quando l’uomo d’affari non ha rispettato i requisiti legali . Ci riferiamo, ad esempio, alla mancata consegna della lettera di licenziamento o al mancato svolgimento di un periodo di consultazione prima del licenziamento collettivo o della risoluzione ERE .
  • Quando la decisione del datore di lavoro non è supportata da cause legali . Così, lo Statuto dei Lavoratori (ET) disciplina il cosiddetto licenziamento oggettivo , che è quello che si conviene quando ricorrano determinate cause. Consente inoltre il licenziamento disciplinare , derivante dall’inosservanza del lavoratore e parzialmente disciplinato nei contratti collettivi . Se la decisione di licenziamento non è fondata su queste cause, il licenziamento sarà considerato ingiusto .

Come si accerta l’ingiustizia del licenziamento?

Il licenziamento senza giusta causa è ciò che viene qualificato come tale in tribunale .

Per saperne di più  Affidamento condiviso

Pertanto, affinché il giudice gli riconosca tale natura, il licenziamento deve essere impugnato . Per fare ciò, il lavoratore deve rivolgersi all’ordine sociale entro un termine di 20 giorni lavorativi dalla data effettiva del suo licenziamento. 

In primo luogo si cercherà di raggiungere un accordo attraverso la conciliazione . In questo senso è importante notare che il datore di lavoro può riconoscere l’inammissibilità della sua decisione senza dover ricorrere al giudizio. Per questo basterà:

  • Pagare l’ indennità corrispondente ad un licenziamento senza giusta causa al momento della consegna della lettera di licenziamento.
  • Oppure cedendo in sede di conciliazione, accordandosi con il lavoratore e corrisponendogli il compenso dovuto.

Pertanto, la corresponsione dell’indennità consente al datore di lavoro di risolvere qualsiasi rapporto di lavoro purché non si tratti di una causa di nullità .

Perché un licenziamento possa essere qualificato come licenziamento nullo , devono esserci decisioni discriminatorie o che violino i diritti fondamentali , come, ad esempio, il licenziamento delle lavoratrici gestanti o i licenziamenti discriminatori.

Quali sono le conseguenze se un licenziamento viene considerato illegittimo?

Dopo la dichiarazione di licenziamento senza giusta causa, il datore di lavoro ha un termine di 5 giorni per dichiarare se decide di risarcire o reintegrare il lavoratore .

Quando il licenziamento è dichiarato illegittimo, il datore di lavoro, entro il termine di cinque giorni dalla notifica del provvedimento, può scegliere tra la reintegrazione del lavoratore oppure il pagamento di un’indennità pari a trentatré giornate di retribuzione per anno di servizio, ripartita pro rata temporis al mese per periodi di tempo inferiore ad un anno, fino ad un massimo di ventiquattro mensilità. L’opzione dell’indennità determinerà la risoluzione del rapporto di lavoro, che si riterrà avvenuta alla data di effettiva cessazione del rapporto di lavoro.

Articolo 56.1 dello Statuto dei Lavoratori

In sintesi, il licenziamento senza giusta causa ha un effetto principale, ovvero la scelta tra il reinserimento in azienda o il pagamento dell’indennità dovuta .

Il licenziamento senza giusta causa produce una serie di effetti regolati dall’articolo 110 della Legge che regola la giurisdizione sociale.

Il datore di lavoro sarà condannato a reintegrare il lavoratore alle stesse condizioni vigenti prima del licenziamento, nonché a pagare le retribuzioni di lavorazione.

L’opzione deve essere esercitata per iscritto o presentandosi davanti alla cancelleria del Tribunale sociale, entro il termine di cinque giorni dalla notifica della sentenza che dichiara il licenziamento senza giusta causa, senza attenderne la definitività, qualora si trattasse di sentenza.

Quando il licenziamento è dichiarato illegittimo per mancato rispetto dei requisiti formali stabiliti e si è scelta la reintegrazione, può essere disposto un nuovo licenziamento entro il termine di sette giorni dalla notifica della sentenza. Tale licenziamento non costituirà una rettifica dell’originario atto estintivo, bensì un nuovo licenziamento, che avrà effetto dalla sua data.

Angel Andújar , avvocato e direttore di Tanis Abogados Laboralistas

Se il datore di lavoro non dichiara se decide di reintegrare o di indennizzare il lavoratore, si intenderà che ha optato per la reintegrazione.

Nel caso in cui il datore di lavoro non opti per la reintegrazione o l’indennizzo, resta inteso che si applica la prima.

Articolo 56.3 dello Statuto dei Lavoratori

Esiste un’eccezione in cui  la decisione spetta al lavoratore : quando questi è il  rappresentante legale dei lavoratori . In questo caso spetta al dipendente decidere se vuole optare per la reintegrazione o il trattamento di fine rapporto.

Se il licenziato è un legale rappresentante dei lavoratori o un rappresentante sindacale, la facoltà spetterà sempre a lui. Se l’opzione non viene fatta, si intenderà che è fatta per la riammissione. Quando l’opzione, espressa o presunta, è favorevole alla riammissione, questa sarà obbligatoria. Sia che opti per l’indennizzo che per la reintegrazione, avrai diritto alle retribuzioni di lavorazione di cui al punto 2.

Articolo 56.4 dello Statuto dei Lavoratori

Si può recuperare il posto di lavoro se il licenziamento è ingiusto?

Una delle possibilità a disposizione del datore di lavoro quando viene accertata l’inammissibilità della sua decisione è quella di reintegrare il lavoratore.

Per saperne di più  Autocertificazione in tempi di Coronavirus: quando usarla e per cosa

Se si decide di reintegrare il lavoratore, si dovranno pagare le retribuzioni di lavorazione , ma non il TFR , dato che se si decide di reintegrare il lavoratore sarà come se il licenziamento non fosse esistito.

Se si sceglie la reintegrazione, il lavoratore avrà diritto alla trasformazione delle retribuzioni. Queste equivarranno ad un importo pari alla somma delle retribuzioni non percepite dalla data del licenziamento fino alla notifica della sentenza che ne dichiara l’inammissibilità o fino a quando non sia stato trovato altro lavoro, se tale collocamento è anteriore a detta sentenza ed è comprovato da il datore di lavoro riceve l’importo ricevuto per detrarlo dalle retribuzioni di lavorazione.

Articolo 56.2 dello Statuto dei Lavoratori

Tuttavia, una volta qualificato il licenziamento come ingiustificato, se il datore di lavoro non vuole la reintegrazione del lavoratore, gli basterà pagare la corrispondente indennità di licenziamento senza possibilità di opposizione da parte del lavoratore.

A quanto ammonta il risarcimento per licenziamento senza giusta causa?

Nel caso in cui venga dichiarato un licenziamento senza giusta causa e il datore di lavoro scelga di non reintegrare il proprio dipendente, questi avrà diritto all’indennità per licenziamento senza giusta causa .

In generale, il valore dell’indennità equivale a 33 giorni di retribuzione per anno di servizio, con un limite di 24 mensilità .

Se il lavoratore ha iniziato a lavorare in azienda prima del 12 febbraio 2012 verranno applicate due fasce retributive:

  • Il tempo trascorso dal 12 febbraio 2012 conterà con 33 giorni di stipendio per anno lavorato, con un limite di 24 mensilità.
  • Il tempo lavorato fino al 12 febbraio 2012 maturerà un compenso pari a 45 giorni di retribuzione per anno lavorato , con un limite di 42 mensilità.
  • Quando si verificano entrambe le sezioni, il limite massimo da applicare sarà di 42 pagamenti mensili.
Per saperne di più  Possono licenziarti mentre sei in malattia?

Esiste il diritto alla disoccupazione dopo un licenziamento senza giusta causa?

Sì, il licenziamento senza giusta causa dà diritto a percepire l’indennità di disoccupazione .

Dopo un licenziamento senza giusta causa, il lavoratore è legalmente disoccupato e, purché soddisfi i requisiti per farlo, potrà percepire l’indennità di disoccupazione .

Deja un comentario