Cosa succede ai beni ereditati in caso di divorzio?

Anche se due persone decidono di dire “sì” all’altare e iniziano a condividere una vita insieme, la verità è che, in molte occasioni, con il passare del tempo, l’amore finisce senza che si possa porre rimedio. A questo punto la convivenza potrebbe essere diventata sempre più difficile fino a diventare insostenibile. È proprio in questo momento che due persone possono decidere di provare a parlare e, per quanto possa far male, optare per il divorzio e iniziare una nuova vita separatamente. 

A volte il divorzio è consensuale e si risolve in modo calmo senza grosse complicazioni e altre volte la separazione può essere capricciosa e traumatica . Ciò può verificarsi quando una delle parti chiede il divorzio perché non vuole continuare a condividere la propria vita con quella persona. 

Comunque sia, il divorzio è un processo che non è piacevole per nessuno e che ti lascia completamente pieno di dubbi. Tra questi sorge spesso la domanda: cosa succede ai beni ereditati in caso di divorzio? Quindi, a  , in questo articolo, proveremo a risolvere questa domanda. Pertanto, ti consigliamo di continuare a leggere per ottenere maggiori informazioni a riguardo. 

Quali tipi di regimi economici matrimoniali esistono?

Secondo il codice civile spagnolo, quando due persone si sposano legalmente possono scegliere tra tre regimi. Tra questi vi è la separazione dei beni, i beni coniugali e il regime di partecipazione. Successivamente ne parleremo un po’ e faremo un po’ di luce sulle loro caratteristiche per comprendere meglio il contesto in cui si tratta di un’eredità in caso di divorzio. 

Per saperne di più  È obbligatorio il test dell'etilometro in caso di incidente?

Regime di separazione patrimoniale

La separazione dei beni è un regime economico di regolamentazione del matrimonio caratterizzato dalla separazione dei beni di ciascun coniuge. Pertanto in questo tipo di matrimonio non si crea né esiste alcun tipo di proprietà comune. In questo modo ciascuno dei coniugi ha diritto sia ai beni che già possedeva prima di sposarsi, sia a quelli che acquisirà da quel momento in poi. 

In questo senso, l’unica eccezione esistente è la residenza abituale della coppia, poiché ad essa è concessa una protezione speciale. Pertanto non può essere venduto o ipotecato senza il consenso di entrambi i soci, anche se uno dei due non è proprietario dell’immobile stesso. 

Così, grazie al regime di separazione dei beni, i due coniugi possono acquisire congiuntamente uno o più beni e dovrà essere indicata la quota che corrisponde a ciascuno di essi . Allo stesso modo, se non si può determinare a chi appartiene un certo bene o diritto, occorre ripartirlo equamente, cioè a ciascuno spetta la metà. La separazione dei beni è regolata dagli articoli da 1435 a 1444 del codice civile. 

Regime patrimoniale comunitario

La comunione dei beni è definita dall’articolo 1344 del codice civile. Qui vengono definiti “quei beni che divengono comuni ai coniugi dagli utili o dai benefici ottenuti indiscriminatamente da alcuno di essi”. Tra questi, l’articolo 1347 del Codice Civile prevede che siano considerati beni coniugali:

Le remunerazioni ottenute per il lavoro o l’industria di ciascuna delle parti. Si tiene conto anche del reddito o degli interessi prodotti da un bene privato o da un bene comunitario . Allo stesso modo sono incluse anche le società e gli stabilimenti fondati da uno dei coniugi.

Inoltre, rientrano in questa categoria anche i beni ottenuti a titolo oneroso per uno o entrambi i coniugi, nonché quelli ricevuti congiuntamente mediante donazione o eredità. 

Per saperne di più  Differenze tra atto notorio, dichiarazione sostitutiva di notorietà e autocertificazione

Cosa significa questo? Ebbene, ciò significa che, nel regime dei beni comuni, tutti i beni posseduti dai coniugi sono ripartiti al 50%, poiché diventano comuni. Allo stesso modo, vengono condivisi i profitti o la remunerazione ottenuta dal denaro ricevuto per lo svolgimento di qualsiasi lavoro. Ciò vale anche per i redditi ottenuti dai beni posseduti da uno dei due coniugi. 

Allo stesso modo si applica alle società fondate da uno dei due, indipendentemente dal fatto che la loro fondazione sia avvenuta prima o dopo il matrimonio, ecc. Ciò significa che, in caso di divorzio, tutti i beni e i diritti, esclusi quelli privati, sono distribuiti equamente tra entrambe le persone. Cioè, il 50%.

Regime di partecipazione 

Questo terzo sistema di regolamentazione economica del matrimonio è il più sconosciuto dei tre e, quindi, il meno diffuso. È regolato dagli articoli da 1411 a 1434 del codice civile. Come indicato , in tale regime “ciascuno dei coniugi acquisisce il diritto a partecipare agli utili ottenuti dal proprio coniuge durante il periodo in cui detto regime è in vigore”. 

Si aggiunge inoltre che “ciascuno degli aderenti al matrimonio è responsabile dell’amministrazione , del godimento e della libera disposizione sia dei beni che gli appartenevano prima della formalizzazione del matrimonio, sia di quelli che eventualmente acquisisse successivamente ”. Si tratta, in altre parole, di un mix tra separazione patrimoniale e patrimonio coniugale e viene solitamente utilizzato per quelle situazioni in cui i coniugi presentano differenze patrimoniali molto elevate tra loro. 

Cosa succede all’eredità in caso di divorzio?

Una volta stabilito quali sono i diversi regimi di regolamentazione economica del matrimonio e saputo distinguerli, si può parlare di cosa accade ai beni ereditari in caso di divorzio. Ad esempio, nel caso della separazione dei beni, siamo molto chiari sul fatto che in caso di divorzio l’eredità del coniuge non dovrebbe essere divisa con l’ex partner. Se però la stessa situazione si verifica se il matrimonio è stato formalizzato in regime di comunione dei beni, iniziano i dubbi. 

Per saperne di più  Come viene gestita un'eredità internazionale?

Tuttavia, i beni ricevuti per via ereditaria hanno sempre carattere privato e vengono ereditati a livello personale. Per questo motivo diventano sempre di proprietà esclusiva di chi li ha ricevuti, pur essendo in regime di comunione patrimoniale prima del divorzio. 

Tuttavia, nel caso in cui, prima che avvenga il divorzio, una persona sposata sotto questo stesso regime matrimoniale acquisisca un immobile per via ereditaria e decida di darlo in locazione, le cose cambiano . Infatti, come abbiamo commentato prima, i redditi o gli interessi prodotti da un bene privato o da un bene comunitario sono considerati beni comuni, come nel caso di specie. 

In questa situazione, in caso di divorzio, l’utile dell’affitto deve essere diviso 50/50 tra entrambe le parti. Per quanto riguarda le donazioni si verifica un caso molto simile, poiché si tratta di beni privati ​​che possono produrre beni e redditi, ad esempio affittandoli. Pertanto ora sapete cosa succede all’eredità in caso di divorzio. Ci auguriamo che questo articolo sia stato istruttivo e ti abbia aiutato a risolvere eventuali domande che potrebbero essere sorte a questo riguardo. 

Deja un comentario