Autocertificazione in tempi di Coronavirus: quando usarla e per cosa

Tutte le persone che hanno iniziato a muoversi in modo più evidente in tempi di coronavirus, devono sapere meglio cos’è un’autocertificazione e quando è meglio farne uso.

Cosa è l’autocertificazione?

Il documento è definito come una «dichiarazione fatta e firmata dal cittadino che sostituisce in modo completo e definitivo alcuni tipi di certificazioni amministrative«.

Per affrontare la mobilità delle persone durante questa crisi sanitaria, ai cittadini è stata offerta la possibilità di spostarsi portando la loro autocertificazione, che dà la garanzia di avere motivi di lavoro o di salute validi per tali spostamenti.

È molto importante sottolineare quando l’autocertificazione può essere richiesta, se il modello ha subito variazioni e quali modifiche sono state apportate per rispettare le norme di sicurezza e per garantire che non ci siano sanzioni.

Quando è necessaria l’autocertificazione

Anche se si sa che dal 4 maggio è possibile viaggiare di più, quasi tutte le restrizioni della «fase 1» sono state mantenute.

Puoi solo uscire di casa:

  • Per esigenze di tempo di business comprovate.
  • Per ragioni di estrema urgenza.
  • Per ragioni di estrema urgenza.
  • Per situazioni di bisogno.

Si raccomanda quindi di avere sempre l’autocertificazione a portata di mano quando si chiede un’ispezione.

Ecco come compilare il nuovo modulo di autocertificazione

Anche se l’autocertificazione è ancora richiesta, bisogna sapere che può essere fornita direttamente dalla polizia e può essere completata sul posto.

Per coloro che vogliono risparmiare tempo e preparare tutti i documenti necessari, il nuovo modulo di autocertificazione è disponibile sul sito web autocertificazioni.online: https://autocertificazioni.online/PDF/modulo-autodichiarazione-10.3.2020.pdf

Per saperne di più  Licenziamento ingiusto

Il sito web indica che il vecchio modulo può essere utilizzato anche cancellando le voci che non sono più valide. Nelle FAQ pubblicate dal governo il 2 maggio, si è anche detto chiaramente che se il motivo del trasferimento è per visitare dei parenti, la colonna dell’autocertificazione può essere segnata come «situazione richiesta».

Alcune delle situazioni di bisogno sono i viaggi verso negozi di alimentari, farmacie o anche negozi aperti.

Quando si viaggia per motivi di lavoro, è necessario portare la dichiarazione appropriata (carta d’identità o documenti che provino il motivo del viaggio).

Dati da completare nella nuova autocertificazione

Come per il vecchio modulo, il nuovo documento di autocertificazione deve essere compilato con dati personali quali:

  • Nome
  • Cognome
  • Indirizzo di residenza
  • Numero della propria carta d’identità

Altre informazioni richieste sono le seguenti:

  • Data di inizio del trasferimento
  • Luogo di destinazione
  • Contrassegnare la voce relativa alla dichiarazione di non quarantena (questo si traduce in, non positivo per COVID-19)
  • Contrassegnare il campo in cui si dichiara di essere a conoscenza delle misure in vigore il giorno in cui si firma e di adottare con riferimento agli articoli 1 e 2 del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19 in materia di limitazioni alla circolazione delle persone nel territorio italiano.

Quando il viaggio è tra regioni diverse, la questione è un po’ più complicata perché dovrete anche dichiarare di essere a conoscenza delle restrizioni aggiuntive imposte dalla presidenza della regione di partenza e dai provvedimenti della presidenza della regione di arrivo. Il motivo è che per il momento i viaggi tra le regioni sono permessi solo per ragioni dimostrabili di salute e di lavoro.

Per saperne di più  Come viene gestita un'eredità internazionale?

Infine, si dichiara che il sottoscritto è a conoscenza delle sanzioni previste dall’articolo 4 del decreto legge n. 19 del 25 marzo 2020.

Deja un comentario